Osmium-Info
Fatti sull'osmio
«»

Fatti sull'osmio

L'inizio del XX secolo l’osmio ha sperimentato la sua prima importante applicazione. È stato trasformato per la prima volta in filamenti di lampade a incandescenza. Il nome di Osram deriva dagli elementi osmio (Osmium in tedesco) e tungsteno (Wolfram in tedesco). 

L'impiego dell'osmio ha tuttavia portato anche ad alcuni svantaggi: era costoso e la lavorazione era difficile, poiché l'osmio è molto fragile e non poteva quindi essere elaborato in fili troppo lunghi. 

Per questo motivo, l'osmio è stato sostituito dal tantalio poco dopo, e quindi dal tungsteno. 

È possibile vedere una lampadina di osmio presso il Deutsches Museum di Monaco.

 

Lo scopritore

Nel 1804, il chimico britannico Smithson Tennant scoprì l’elemento osmio insieme all’iridio. Raggiunse questo risultato investigando i residui insolubili dei minerali del platino, che erano stati precedentemente dissolti in acqua regia. Dal momento che il tetrossido d’osmio ha un odore pungente simile al cloro, Tennant lo chiamò «osmio» dalla parola greca significante odore. Nel 1814, Jöns Jakob Berzelius assegnò l’attuale simbolo Os all’Osmio. 

Campi di applicazione

Dal 2019 la produzione annuale è di circa 1000 kg. Una percentuale significativa viene utilizzata per la cristallizzazione, il resto viene utilizzato a livello internazionale nell'industria e nell'insegnamento sotto forma di composti di osmio.

La sua importanza economica e industriale è quindi molto bassa. Ha tuttavia trovato, nella sua forma cristallina atossica, la sua strada nella produzione di orologi e gioielli. Alla luce della sua estrema rarità, il prezzo dell'osmio cristallino è aumentato drasticamente da un po’ tempo. 

Una lega di platino e osmio è parte integrante nella produzione di pacemaker e di valvole cardiache artificiali. L'osmio funge anche da catalizzatore per le sintesi chimiche, come la diidrossilazione.

Giacimenti

La classifica che analizza la rarità degli elementi classifica l’osmio tra elementi non radioattivi. Di solito, si trova in natura assieme al platino. Può essere rinvenuto anche con il rutenio, il palladio e il rodio. 

I principali giacimenti di osmio si trovano nel Borneo, in Giappone, in Nord e Sud America, in Tasmania e negli Urali. In generale, i depositi sono divisi in primari e secondari. I primari sono principalmente minerali metalliferi a base di osmio, contenenti ferro, cromo, rame e nichel. I giacimenti secondari sono costituiti da metalli di platino, combinati con l’osmio. 

Le leghe più comuni sono l'iridosmio naturale e l'osmiridio.

Prodotti

L’osmio è attualmente venduto nelle seguenti forme standard:

 

Diamanti di osmio, 3 mm di diametro, struttura cristallina piatta, peso da ca. 0,07 a 0,13 g.

Stelle di osmio, diametro più lungo di 4 mm, struttura cristallina piatta, peso da ca. 0,07 a 0,13 g. 

File di stelle di osmio, lunghe fino a 40 mm, struttura cristallina piatta composta da diverse stelle, peso da 40,14 g a 0,7 g.

Barra piatta di osmio, rettangolare da 1 g a 10 g 

Barre curve d’osmio, diametro interno variabile da ca. 10 a 25 mm, forma ad anello, peso dipendente dal diametro.

Disco di osmio, 55 mm di diametro, piatto e rotondo, ca. 30 g

Perle di osmio con un diametro da ca. 5 a 21 mm, struttura tridimensionale, peso a seconda del diametro.

 
© 2022
Fenster schließen
Fatti sull'osmio